Davide Navarria – L’antropologia di Gilbert Durand


L’ANTROPOLOGIA DI GILBERT DURAND Una topica sociale dell'immaginario

átopon – Quaderno n. 1/2015 – Edizioni Mythos

 

Ordina il testo

INDICE:

  • Premessa
  • Mitocritica, Mitoanalisi, Leitmotive archetipici
  • Bacino semantico: Un'(a)logica dell’immaginario sociale
  • Note

(…) ogni creazione artistica è una mano tesa che dà a vedere, a intendere, ad amare l’opera, ma reciprocamente mano che si tende per ricevere, raccogliere i molteplici messaggi e arricchimenti che vengono dall’altro (…)
L’opera d’arte, anche la più umile, è dunque innanzitutto cosa espressa per l’altro, è linguaggio nel senso ampio del termine, è comunicazione significativa. Non c’è arte senza opera, e non c’è opera senza pubblico, sia questo lo sguardo di attenzione anche di uno solo, ma di un solo “altro.”
(G. Durand)

 Gilbert Durand ha indagato con acume e profondità le dinamiche relative al funzionamento dell’immaginario individuale aprendosi a molteplici campi di indagine. Attraverso le nozioni euristiche di mitocritica, mitoanalisi e bacino semantico la sua analisi si sposta su un piano più vasto, passando dall’individuale al collettivo, al sociale.

Durand si muove in un vasto spazio transdisciplinare, creando nuovi modelli concettuali e metodi autonomi e originali d’indagine antropologica.

Laissez un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *